July 24, 2024

(Washington, 5 giugno 2024). L’Ambasciata d’Italia a Washington ha ospitato ieri le celebrazioni per il 78esimo anniversario della Repubblica Italiana. All’evento hanno partecipato oltre 1000 invitati in rappresentanza di istituzioni americane, comunità diplomatica, mondo imprenditoriale e culturale, associazioni di italo-americani, giornalisti e connazionali. Tra gli ospiti americani l’Attorney General Merrick Garland, la Deputy Attorney General Lisa Monaco, la Segretaria allo sviluppo urbano, Adrianne Todman, il Presidente della Banca Mondiale Ajay Banga, la sottosegretaria per il commercio internazionale, Marisa Lago, e la Senior Counselor per tecnologia e crescita, Zoë Baird, entrambe del Dipartimento del commercio, il Direttore dell’immigrazione e delle dogane del Dipartimento alla sicurezza interna, Patrick Lechleitner, altri alti funzionari dell’amministrazione e membri del Congresso.

Nel ricordare il significato della ricorrenza, l’Ambasciatrice d’Italia, Mariangela Zappia, ha espresso gratitudine a tutti gli esponenti dell’Amministrazione, del Congresso e della società americana per il loro contributo alla straordinaria alleanza, amicizia e partnership tra i nostri due Paesi. L’Ambasciatrice ha valorizzato “il lavoro che svolgiamo insieme nel sostenere e proteggere i principi e i valori delle nostre democrazie e nel promuovere giustizia e prosperità per il nostro popolo”. Agli auguri per la Festa della Repubblica da lei rivolti alla comunità italiana è seguita la proiezione del videomessaggio indirizzato ai connazionali per la ricorrenza dal Vice Presidente e Ministro degli esteri Tajani.

L’Attorney General Merrick Garland ha ricordato la sua recente missione in Italia per la ministeriale giustizia del G7, qualificando come “più forti che mai” la collaborazione tra Italia-USA sulla giustizia e il legame tra i nostri due popoli. Egli ha poi celebrato il “contributo inestimabile degli italo-americani al successo degli Stati Uniti”, aggiungendo che “il partenariato tra i nostri due Paesi si fonda sul condiviso impegno per il mantenimento dello stato di diritto”. Ha concluso rilevando come “a fronte delle sfide senza precedenti che abbiamo davanti, gli Stati Uniti sono fortunati ad avere l’Italia come partner e amica”.

Il programma culturale dell’evento ha preso avvio con brani tratti dalle più note opere di Giacomo Puccini, in omaggio al centenario della sua scomparsa, intonati dai musicisti della Washington National Opera, Michael Baitzer e Kresley Figueroa, che hanno eseguito anche gli inni nazionali. Nella seconda parte della serata si è esibita la jazzista italiana residente a New York Chiara Izzi, già vincitrice del Festival jazz internazionale di Montreaux.

Oltre ad offrire prodotti di eccellenza dell’enogastronomia italiana, l’Ambasciata ha valorizzato il made in Italy puntando su innovazione e tecnologia. Il robot umanoide “ergoCub”, realizzato dall’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) in collaborazione con l’INAIL per migliorare l’ergonomia degli ambienti di lavoro e ridurre i rischi per la salute delle persone, ha contribuito all’accoglienza degli ospiti e il Direttore scientifico dell’IIT ne ha valorizzato il contenuto tecnologico e le capacità con selezionati ospiti e giornalisti, suscitando particolare interesse nell’Attorney General, tra gli altri. Sono stati esposti inoltre un sedile progettato da Dallara per vettori diretti nello spazio, modelli di satelliti delle aziende TASI e Argotec, modelli di aerei e elicotteri di Leonardo, un modello di Frecciarossa1000 di Hitachi Rail, un visore notturno di Beretta e un sistema semi-automatico per la preparazione di sostanze chemioterapiche prodotto dalla ditta Loccioni. Gli ospiti hanno potuto ammirare inoltre due tricolori formati rispettivamente da tre automobili Lamborghini e tre scooter Vespa, di cui una elettrica. Promosso anche il turismo verso l’Italia, con particolare attenzione al turismo delle radici, in collaborazione con ENIT.

Al successo complessivo dell’evento hanno contribuito in totale 27 sponsor e vari altri partner italiani.